Volo a Vela

Definizione generale.
ll Volo a Vela è quella disciplina che, per mezzo di velivoli sprovvisti di propulsione, permette al pilota di volare nell’aria, sfruttando le correnti ascensionali ed i venti, e di spostarsi lungo veri e propri itinerari prefissati. glider_001
Questa disciplina implica la conoscenza di numerosi aspetti fondamentali: tra i principali si possono citare la meteorologia e gli effetti dell’orografia del territorio, le caratteristiche aerodinamiche dell’aliante, le tecniche di pilotaggio per il volo di distanza, la strategia da adottare per la sicurezza. Come è presumibile pensare, tutte queste conoscenze fanno maturare le capacità del pilota e permettono, nel tempo, di percorrere distanze sempre maggiori in minor tempo. I record sino ad oggi raggiunti in Aliante sono stupefacenti: quote ai limiti della Troposfera, oltre i 14.000m, percorsi superiori a 2.000km, e medie che hanno varcato la soglia dei 200km/h; ma com’è noto in tutte le discipline, non ci si può improvvisare.

E’ necessario investire informazione, e soprattutto in piena sicurezza. A questo scopo, nell’Aeroclub di Belluno, vengono organizzati Stage di vari livelli, proprio per permettere ai Piloti neo-brevettati ed a quelli già più esperti di accrescere le proprie conoscenze e, molto spesso, di trasmettere agli altri le proprie conoscenze ed esperienze. scuola_volo_vela

La storia del volo a vela a Belluno inizia parecchio tempo fa.
( Illustrazione storica con alianti a BL, serie di figurine della Liebig)

Sulla storica superficie del campo di volo, che aveva visto alternarsi Italiani e Austriaci durante la prima guerra mondiale, andò via via sviluppandosi negli anni 30 la prima attività di tipo sportivo, parallelamente allla presenza costante dell’aeronautica che vi rimarrà sino alla fine degli anni 80. Durante quegli anni un noto pilota militare , Aldo Tait, impegnato attivamente anche nel volo a vela tanto da vincere la prova di durata in volo nel ‘37 ad Asiago con oltre 6 ore, organizzò i primi corsi di Volo a Vela durante uno dei quali la sorella, brevettandosi, divenne la prima donna pilota di Volo a Vela italiana.

alianti_storici_1

Poi le cose si fermarono nuovamente. E’ solo negli anni 70 che il VV torna a Belluno, sebbene sporadicamente e attraverso trasferimenti estivi di piloti provenienti dal vicino club di VV di Padova, che spostano temporaneamente i propri alianti e traini per allenarsi nello stupefacente scenario delle pareti dolomitiche.

Infine negli anni ottanta, per la tenacia del dottor Massimo Mauriello, pilota acrobatico di velivoli a motore ed alianti, finalmente il volo a vela torna a radicarsi in questo splendido aeroporto.

Il primo nucleo del moderno VV si costituisce nel 1991 ed è formato da Mauriello, Chiesa, De Bona, Bampo, Pison e Foscolo, i quali, a parte Mauriello sono inizialmente costretti a brevettarsi presso altre scuole di volo.

Il volo a vela bellunese oggi.
Da quel momento la crescita diviene costante, si acquisisce il primo aliante e quasi subito il primo velivolo da traino, poi è la volta della costituzione della scuola di volo a vela, attraverso al quale il sodalizio continua a formare annualmente piloti volovelisti. La flotta cresce rapidamente sino a contare, al giorno d’oggi, su due velivoli trainatori, due alianti biposto e quattro alianti monoposto, tutti a disposizione dei soci.
Quest’organizzazione permette di proporre anche a piloti esterni stage e periodi di allenamento sull’arco alpino e l’interesse diventa concreto anche tra piloti stranieri, che oggigiorno trascorrono con i propri alianti proprio a Belluno settimane di allenamento volando nello scenario dolomitico, unico nel suo genere.

Schermata 2014-04-11 alle 23.37.49
La posizione strategica, le rotte.

Infatti l’Aeroporto di Belluno, proprio per la sua collocazione orografica, offre delle interessantissime caratteristiche. Sgancio e partenza dal Monte Serva, situato proprio appena a nord dell’aeroporto, che offre un primo punto di partenza in virtù dei generosi costoni esposti al sole tutto il giorno e permette in pochi minuti di fare incrementi di migliaia di metri per iniziare il proprio itinerario. Poi, la possibilità di scegliere il percorso più adatto alla giornata: una formidabile pedemontana, affacciata alla pianura con un costante appoggio orografico e che si estende ad ovest sino al lago di Garda ed a est sino alla Slovenia ed alle Caravanche, una seconda linea di appoggi orografici che verso ovest attraverso la val Belluna e la val Sugana porta dritti al lago di Caldonazzo e prepara ad un percorso dolomitico, che dal Latemar catapulta il pilota verso la Pusteria e poi ancora sui Tauri. Un terzo percorso verso Noetch, con molti generosi appoggi sulla Carnia, che poi lascia aperte possibilità di prolungamento verso i bassi Tauri, oppure di rivolgersi nuovamente verso ovest sino all’Engadina. In alternativa, sempre dal generoso monte Serva, in poche decine di minuti la possibilità di raggiungere il cuore delle Dolomiti, con scenari mozzafiato, pareti verticali di migliaia di metri, quote attorno ai 4000 H ed il famoso rosa dovuto all’origine corallina di quelle rocce.  Tutta l’area è fornita di buona atterrabilità, mappata negli anni dai piloti dei club riuniti nel famoso CVAO (link), il Comprensorio di volo delle Alpi Orientali.
mappa_percorsi_alianti

L’orografia, l’organizzazione, la presenza di una scuola con istruttori qualificati e la vasta atterrabilità, fanno del club di Belluno un ottima base di partenza per ogni tipo di attività. Una scuola di volo con due istruttori e mezzi adeguati per brevettarsi e poi proseguire verso livelli sempre più impegnativi. La possibilità di imparare a  termicare e costonare praticamente sopra il campo. La facilità di organizzare ed affrontare un percorso per l’insegna FAI dei 50 km proprio nella stessa valle. Percorsi in sicurezza per le insegne FAI successive. Presenza di piloti con lunga esperienza di volo che affiancano i neo brevettati e li conducono alla scoperta dei nuovi percorsi e verso nuove mete. Piloti di alto livello in grado di gestire piccoli gruppi e programmare stages alla scoperta dell’area Dolomitica su percorsi superiori ai 500km.

Venite a trovarci! Che sia per capire come si vola in aliante o che sia per trascorrere qualche giorno con il vostro aliante e scoprire le Dolomiti, il club di Belluno e quello che fa per voi. Chiamate la nostra base 0437-30667 o contattateci attraverso la rete e i social. Avremo sempre la soluzione per voi!

  • Aeroporto “Arturo dell’Oro” Belluno

    Radio: 119.650 MHz
    Orientamento pista: 05/23
    Coordinate: N46° 10’ 0” E12° 14’ 53”
    Elevazione ft/slm (mt/slm): 1240 (378)
    Lunghezza mt: 812, erba

  • METAR da ISTRANA

  • Antincendio aeroportuale